HomepageSettoriAttività minerariePompaggio di fanghi abrasivi

Pompaggio di fanghi abrasivi

Pompaggio di fanghi abrasivi con una pompa peristaltica VF40

Una struttura per il vanadio, situata in Sud Africa, libera il vanadio dal titanifero magnetite. Il titanifero magnetite è lavorato in varie fasi, utilizzando serbatoi di precipitazione a.o.  e varie pompe volumetriche e di travaso.

Il vanadio è presente in natura in circa 65 diversi minerali e nei depositi di combustibile fossile. Esso è prodotto dalle scorie delle fonderie di acciaio, dalla polvere effluente dall'olio pesante o come sottoprodotto dell'estrazione di uranio. Si utilizza soprattutto per produrre leghe di acciaio speciali come acciai super-rapidi per utensili. Il vanadio si trova in molti organismi e viene utilizzato da alcune forme viventi come centro attivo degli enzimi. La magnetite e il vanadio rappresentano una composizione molto abrasiva che provoca problemi nel corso della vita dei materiale dei processi, ad esempio per le pompe nelle sezioni a contatto con il liquido.

Tutto il vanadio nei minerali è nello stato solido nel titanifero magnetite. Dopo la prima fase della lavorazione, il concentrato di magnetite è soggetto al processo di precipitazione convenzionale di arrostimento-lisciviazione per il recupero del vanadio. Per ottenere la qualità finale desiderata per il prodotto, il silice (SiO2) viene rimosso dal concentrato di magnetite lavorato (soluzione incinta). La precipitazione di vanadio da questo concentrato di magnetite lavorato si ottiene mediante l'aggiunta di solfato di ammonio ((NH4)2SO4).

Il processo di recupero del vanadio utilizza un processo di evaporazione per recuperare il sale del solfato di sodio dalla soluzione sterile dopo la precipitazione. Questo sale viene di nuovo riciclato nella fornace, rimuovendo l'esigenza di una parte del fondente di carbonato di sodio necessario.

Il fango sterile deve essere pompato con trattamento dei solidi a circa il 60%, che è davvero troppo elevato per alcuni tipi di pompe. Il flusso è circa 6 – 8 m3/ora. La soluzione ideale è una pompa peristaltica. Data la costruzione della pompa peristaltica Verderflex (solo il flessibile è in contatto con le parti che toccano i liquidi della pompa), è stata scelta una pompa peristaltica Verderflex VF40.

La pompa Verderflex VF40 riesce a garantire flussi da 7,5m³/ora e pressioni fino a 16 Bar. Come in tutte le pompe peristaltiche, l'unica parte che si usura è il flessibile stesso, riducendo al minimo i tempi per la manutenzione.

I fanghi abrasivi delle miniere presentano un contenuto solido inferiore al micron oltre l'80% con gravità specifiche di fanghi oltre il 2,0.

“Solo le pompe peristaltiche riescono a pompare fluidi densi mentre conservano livelli elevati di disponibilità dello stabilimento al contrario delle pompe centrifughe che soffrono per le interruzioni continue e non riescono a pompare tali gravità specifiche di fanghi”.

Fin dall'installazione della prima pompa peristaltica Verderflex, anche altre pompe sono state sostituite da pompe peristaltiche. La pompa peristaltica Verderflex VF è molto più facile da trattare rispetto alle altre pompe volumetriche, grazie alle sue capacità di manutenzione veloce. La pompa peristaltica può agire a secco e la semplicità del design del rotore e l'organizzazione della flangia rendono la pompa perfetta per difficili applicazioni in miniera. Funziona e opera solo quando se ne ha bisogno.